Excite

90210, ha esordito lo spin-off dello storico Beverly Hills

Ha esordito qualche giorno fa con cinque milioni di spettatori, poi calati del 35% nell'ultima scorsa puntata, 90210, il nuovo teen drama trasmesso da The Cw e diretto da Rob Thomas.

La serie, spin-off della serie cult anni novanta, Beverly Hills 90210, doveva scegliere se investire sul ritorno dei vecchi protagonisti, oppure cercare di formare un’identità propria e l'opzione scelta è stata la seconda: i fan di BH90210 sono stati in parte accontentati dai piccoli spazi offerti a Kelly Taylor (Jennie Garth), Brenda Walsh (Shannen Doherty) e Nat Busicchio (Joe E. Tata), dalla sigla originale remixata, da alcune citazioni al passato (Hannah Zuckerman mezzobusto per la televisione della scuola) e dai luoghi originali, seppur ammodernati, di una volta come il peach Pit e il West Beverly.

I produttori di 90210 hanno pensato di ammiccare al pubblico di BH90210, soprattutto in fase di lancio, con una serie di rumors, quasi un toto attori, su quali personaggi della serie originale si sarebbero rivisti, poi hanno creato una storia differente: i fratelli Annie (Shenae Grimes) e Dixon (Tristan Wilds) Mills devono trasferirsi dal Kansas a Beverly Hills, con papà (Rob Estes), il nuovo preside del West Beverly High Harry Mills e la mamma (Lori Laughlin), la fotografa Debbie, per stare vicini alla nonna alcolista.

La serie, che andrà in onda su Raidue a partire dagli inizi del 2009, ha un buon ritmo, una bellissima fotografia e le musiche accattivanti, ma il linguaggio dei personaggi, giovani e meno giovani, è molto sboccato e volgare, i dialoghi sono ancora troppo vuoti e dopo le prime puntate c’è tanta carne al fuoco, ma ancora poca sostanza (storie d’amore che iniziano e subito finiscono, rapporti d’amicizia ambigui, una ragazza che ruba per procurarsi la droga, una che usa internet per rovinare la reputazione altrui, un uomo che scopre di aver avuto un figlio in gioventù).

Se paragonassimo 90210 a Beverly Hills 90210, lo scontro sarebbe impari, ma confrontandolo con le altre serie giovanili attualmente in programmazione, non c’è una grande differenza (anche perché le principali sono tutte prodotte dalla The Cw). Quando 90210 troverà la sua identità e se riuscirà ad aggiungere contenuti più profondi alle sue storie, probabilmente la serie scalzerà Gossip Girl, dal ruolo di teen drama più amato dai ragazzi, ma deve ancora fare tanta strada.

La sigla

Lo spot promozionale

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017