Excite

A lume di Candela: Reazione a Catena dà la "scossa" agli ascolti di Rai1, Amadeus rafforza il quiz con equilibrio e professionalità

  • Facebook

La "scossa" nella programmazione estiva arriva da Reazione a Catena. Un ritorno celebrato dai grandi ascolti in crescita (per il secondo anno consecutivo) di quasi due punti con picchi finali del 27% di share (meglio anche de L'Eredità). Il successo dopo due settimane di messa in onda sembra quasi più clamoroso se si considera l'assenza di un vero traino quest'anno affidato alle repliche di Che Dio ci aiuti che costringe il quiz a partire dal 12-13% di share. Canale 5 aveva le carte in regola per provare un affondo con Caduta Libera (testato proprio da Amadeus per Rai1 in passato) ma il quiz condotto da Scotti, nonostante il traino di Pomeriggio 5 e i buoni risultati nelle settimane precedenti, non è riuscito a reggere il confronto fermandosi al 16% di share.

(Le Intese a distanza, l'ultima prova dal minuto 45)

Non va diversamente al sabato quando la sfida è con Il Segreto, la telenovela spagnola dei record già lo scorso anno aveva dovuto soccombere contro Reazione a Catena. Qual è quindi il "segreto" di questo successo? La capacità di coinvolgere il pubblico in giochi semplici ma non banali, un livello di preparazione dei concorrenti più alto rispetto agli altri format e la parte finale che riesce ad incollare il pubblico allo schermo.

Reazione a Catena, lo scorso anno il successo contro Il Segreto

Nella puntata di ieri dopo quindici puntate sono state eliminate a sorpresa Le Intese a Distanza, le tre ragazze sarde che avevano diviso sui social tra estimatori e detrattori. Il "dibattito" ha fatto volare l'hashtag #reazioneacatena nella Top5 dei Trend Topic di Twitter. Amadeus ha dato al game show una forza maggiore aggiungendo il senso della misura e dell'equilibro. Siamo lontani dall'entusiasmo macchiettistico ed esagerato a base di faccine di Pino Insegno. Alla seconda stagione consecutiva il conduttore si sottrae e fa un passo indietro nei momenti cruciali ma si concede la battuta e la gag divertente in altri. Amadeus assicura la parte dello "show" dando ritmo al quiz.

L'esperienza c'è e si vede, per dirla calcisticamente è tornato a giocare nel suo ruolo in una zona di campo che ha calcato per anni con grande capacità. Ha tra le mani una Ferrari che però ha imparato a guidare con il pilota automatico e ti dà la certezza che non andrai a sbattere. Amadeus è un volto familiare e, come Conti e Frizzi, riesce a parlare al pubblico di Rai 1 con garbo e professionalità. Dopo i fasti de L'Eredità scelse di passare a Mediaset poi la consapevolezza di quell'errore e ora il grande riscatto. Senza snobbismi è rientrato in Rai dalla porta di servizio di Guardì su Rai2 mettendosi a disposizione di una tv anni 90 non proprio entusiasmante per chi ha sempre fatto quiz e show di successo.

La scelta di partecipare con umiltà, come Frizzi del resto, a Tale e Quale Show e non solo. Una lunga carriera può avere momenti difficili ma la bravura dell'artista sta nel superarli sporcandosi le mani senza avere la puzza sotto al naso. La sensazione è che ora la Rai debba puntare maggiormente su di lui dandogli la giusta fiducia. Reazione a Catena è il miglior quiz a disposizione della prima rete del servizio pubblico e non è un caso che Mediaset lo scorso anno arrivò vicinissima all'acquisto. Allora perchè non valorizzare questo format magari alternandolo con L'Eredità, anche per far rifiatare quest'ultimo, o sperimentando nuove collocazioni ( fascia post pranzo o week end)?

Per adesso la Rai ha scelto di "esiliarlo" solo nel periodo estivo e la domanda sorge spontanea: se fosse stato prodotto da altre aziende con un maggiore peso a Viale Mazzini avrebbe avuto più spazio? L'intesa vincente tra il conduttore e il format è stata trovata, la reazione del pubblico pure. Chi mette la "catena" al format? Aspettiamo una risposta anche solo con una "zip", noi invdoviniamo il resto.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017