Excite

'Aiart' vs Grande Fratello: non si può separare una mamma da sua figlia

Ieri sera dopo 84 giorni di reclusione, durante la prima serata di Grande Fratello, la concorrente Guendalina Tavassi ha ricevuto un videomessaggio dalla figlia di 6 anni. L’occasione è stata fornita , oltre che dagli auguri per le Feste, dal compleanno della giovane mamma, caduto pochi giorni prima.

Guendalina era alle stelle, emozionatissima per aver visto finalmente sua figlia Gaia e per aver ricevuto in dono dei disegni della figlia.

Segui lo speciale su Grande Fratello

Questa sorpresa tuttavia, non è stata gradita allo stesso modo dall’associazione di telespettatori cattolici, Aiart, la quale attraverso il suo presidente Luca Borgomeo esprime il proprio profondo dissenso:
Pur di recuperare ascolti, in continuo calo, il Grande Fratello oltre a puntare su bestemmie, volgarità e scurrilità non esita a strumentalizzare il dolore di una bambina di sei anni e di una mamma reclusa nella casa del GF’.

In effetti i contenuti della puntata di ieri sera possono aver un po’ destabilizzato i benpensanti: Massimo è stato riammesso al programma con l’escamotage del televoto, lasciando così pensare ad uno sdoganamento mediatico della bestemmia, e poi la storia tra Davide e Olivia.

Davide aveva da poco lasciato Rosa sua ‘fidanzata’ nella casa per 60 giorni perché invaghito della bionda austriaca. Olivia, pronta a sposare il suo ragazzo non appena fuori dalla casa, ha deciso di lasci andarsi andare alla passione con Davide, proprio la notte di Capodanno (anche perché porta bene!), e proprio sotto lo sguardo schifato e disperato di Rosa.

Risultato, Olivia è stata lasciata mezzo fax dal fidanzato, Davide ha apprezzato il gesto del momento ma non nel contesto, pertanto non reputa più Olivia una donna adatta a sé, e, nel frattempo, ripensa a Rosa.

Ma i telespettatori cattolici, hanno sopportato tutto questo, forse scuotendo la testa o con cenni di vergogna, ma non tollerano come sia ‘possibile imporre, per motivi di spettacolo, ad una giovane mamma, separata, di non vedere per mesi la figlia di sei anni e, ancor più di impedire ad una bambina di incontrare la sua mamma?’.

E per tutto questo, l’Aiart, chiede la sospensione del Grande Fratello, considerato un programma offensivo ‘alla dignità e all'intelligenza dei telespettatori’.

C’è anche da dire che ad un telespettatore libero, quello cioè che non si riconosce in nessun movimento, ma riconosce il potere del telecomando di cambiare canale ogni qual volta lo spettacolo non soddisfi, quella di ieri è sembrata sì una scena squallida, ma per ben altri motivi!

La concorrente Guendalina, si è spontaneamente candidata a partecipare al reality show, superando una serie di provini e dichiarando la libera volontà di partecipare al programma, che lei considera ‘il riscatto di una vita’, e una grande possibilità per il futuro suo e della figlia, chiamata in causa sempre, ad hoc, per giustificare il gesto, poco apprezzato da molti (ad esempio dalla famiglia paterna della figlia), di voler partecipare al programma.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2016