Excite

Andrea Pazienza, il fumettista che Benigni ha citato da Fiorello

  • LaPresse - Andrea Pazienza fanpage

Andrea Pazienza è il fumettista citato da Roberto Benigni nell'ultima puntata de Il più grande spettacolo dopo il weekend, lo show di Fiorello record di ascolti.

La cronaca e i video dell'ultima puntata dello show di Fiorello

La frase con cui Benigni ha chiuso il suo intervento è - anzi, sarebbe - di Pazienza: "Mai tornare indietro, neanche per prendere la rincorsa". Una citazione, quella del comico toscano, che ha inorgoglito gli appassionati di fumetto e ha incuriosito il grande pubblico, dunque ecco qualche nota in più su chi era Pazienza.

Andrea Pazienza è stato un fumettista pugliese nato nel 1956; cresciuto a San Severo (Foggia), ha vissuto anche a Pescara e a Bologna. E' uno dei principali fumettisti della storia italiana. Come ricordava Benigni, è morto giovane, a soli 32 anni, probabilmente in seguito ad un'overdose di eroina.

Soprannominato il "Paz", tra i personaggi da lui creati ricordiamo Pentothal, Zanardi, Pompeo. Pazienza ha collaborato con le riviste Cannibale, Frigidaire, Il male, Corto Maltese, Comic Art, Linus. E' stato un pittore: un artista a tutto campo che ha realizzanto anche diverse copertine di dischi (per Vecchioni e Enzo Avitabile).

In "Pertini" (citato nello show di Fiorello), Pazienza si era auto-disegnato come un partigiano che si confrontava con il presidente Sandro Pertini. Pazienza è considerato tra i più grandi fumettisti della storia italiana e ha anche adesso un grande seguito tra gli appassionati del genere che gli omaggiano il dovuto rispetto.

Roberto Benigni era un amico personale di Andrea Pazienza, e ha raccontato di condividere con Fellini la sua ammirazione per il fumettista: "Era l'albero del paradiso, ci ha fatto intravedere la bellezza e poi ha chiuso tutto, però ci ha lasciato dei frutti proibiti e noi ce li siamo mangiati, li abbiamo assaporati. Ci resta una grande voglia di vedere compiute le storie incompiute, chissà cos'altro ci avrebbe potuto regalare. Andrea era vicino a tutte le età; poteva essere un bambino e un vecchio, una donna e un uomo, un animale o una biro. Era eclettico ed anche molto bello: aveva la gioia di vivere negli occhi".

Ieri la discussione su Twitter ha fatto emergere che la frase "Mai tornare indietro, neanche per prendere la rincorsa", effettivamente riportata in una vignetta di Pazienza, non è stata da lui concepita bensì è una citazione di Che Guevara. Questo non toglie nulla alla grandezza dell'artista che grazie all'omaggio di Benigni può essere adesso apprezzato dal grande pubblico: un buon modo per riscoprire Andrea Pazienza è navigare sulla sua fanpage di Facebook, ricca di risorse e link per approfondire.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2016