Excite

Baciamo le mani - Palermo New York 1958, settima puntata: Don Gillo si vendica e uccide tutti gli uomini della famiglia Vitaliano

  • Mediaset

Nella settima puntata di Baciamo Le mani - Palermo NewYork 1958, in onda stasera ,4 Ottobre 2013, Gabriella, dopo l'attentato a Ruggero, decide di radunare i commercianti di Little Italy per cercare di trovare una soluzione e chiede loro di rivolgersi tutti insieme all'avvocato Charles Lettieri per trattare con don Gillo Draghi ed evitare altri spargimenti di sangue. Dopo aver contattato l'avvocato, questi comunica alla donna che l'unico modo per mettere in atto il suo piano è quello di cercare delle prove contro il boss e ricattarlo in cambio di una tregua.

Baciamo le mani - Le foto del settimo episodio

Mariarosa, la figlia di don Gillo, è tenuta prigioniera dalla sua famiglia: nonostante i numerosi tentativi di fuga, tutti senza successo, la ragazza trova un escamotage e fa in modo che il prete convinca il padre a farla andare ogni giorno in chiesa. Il primo giorno fuori di casa, Mariarosa durante la messa lascia un messaggio dentro il libretto di preghiere di Agnese dove chiede di far trovare il giorno seguente in chiesa, nel confessionale, Gabriella con un registratore dove fornirà tutte le prove che le servono per incastrare il padre e le famiglie mafiose di New York.

Baciamo le mani - Palermo New York 1958, riassunto sesta puntata

Il piano sembra funzionare: l'avvocato fa recapitare alle famiglie mafiose una copia della registrazione di Mariarosa e don Gillo è quindi costretto, ancora una volta a lasciare in pace i Vitaliano. Anche la figlia del boss però ricatta il padre: se non la lascerà partire per proseguire i suoi studi di medicina, qualcuno farà avere la sua testimonianza all'FBI.

Gabriella e Ruggero sono sempre più vicini e cedono alla passione stavolta con il benestare di Agnese. Una volta ottenuto il divorzio da Louise, l'uomo ha intenzione di sposare Gabriella. Tutto sembra dunque tornato alla normalità fin quando Giuliano Draghi non scopre che il nastro della registrazione di Mariarosa è in mano all'avvocato Lettieri: si presenta in casa sua e minaccia l'uomo, qualora non gli consegnasse il nastro, di uccidere la nipote. Una volta bruciata la registrazione, però, il figlio di don Gillo li uccide entrambi.

Adesso non c'è più nulla che può fermare don Gillo e il suo piano di vendetta. Una sera mentre la famiglia Vitaliano è a cena per festeggiare il fidanzamento di Gabriella e Ruggero, un killer appostato davanti al ristorante, fa partire due colpi che uccide entrambi i figli maschi della povera Agnese. Davanti alla tomba dei suoi tre figli e del marito uccisi per mano mafiosa, la donna pensa a come vendicarsi: "Ha ragione don Gillo: Il sangue si lava solo con il sangue".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020