Excite

Baglioni: "Bene i talent show, ma che omologazione"

"Bene i talent show, anche perché oggi per fare carriera nella musica un altro percorso non c'è, però trovo che creino omologazione per la tendenza di questi ragazzi a cantare tutti nello stesso modo puntando al grande vocalismo ricercato". Parola di Claudio Baglioni direttamente dal suo festival musicale O'Scia di Lampedusa.

"La televisione ormai si è impadronita di tutto, non ti lascia mai – continua Baglioni, che rivela – mi avevano chiesto di condurre Operazione trionfo, ripiegando poi su Miguel Bosè. Rifiutai perché provo troppa pena verso chi viene bocciato in quel modo. Il risvolto interessante dei talent show è che permettono al pubblico di capire che dietro a questo mestiere c'è una scuola, un percorso di preparazione", ha detto Baglioni, che all'edizione di quest'anno ha invitato anche Giusy Ferreri, Marco Carta e Alessandra Amoroso.

Programmi che lasciano spazio a tanti interpreti e pochi cantautori: "È vero. Cantano sempre le stesse canzoni, anche le mie, ma sarebbe impensabile una trasmissione in cui per quattro ore si sentono solo pezzi inediti. Tuttavia si potrebbe alimentare anche l'aspetto compositivo".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017