Excite

Barbareschi picchia Iena, poi replica: "Io irretito"

  • Infophoto-YouTube

Telecamera distrutta, un iPhone strappato a forza, mani in faccia, calci, spintoni e insulti. E' il bilancio dell'incontro ravvicinato, avvenuto ieri pomeriggio a Roma sulla Tiburtina nel set del film "Mi fido di te", tra Luca Barbareschi, la Iena Filippo Roma e il suo cameraman, Marco Occhipinti.

Il motivo di tanta ira dell'attore e parlamentare iscritto nel Gruppo Misto alla Camera sembra sconosciuto o per lo meno non così grave da far scoppiare una rissa arrivando alle mani. Insomma, Barbareschi picchia la Iena senza giustificazioni?

Il "LA" alla spiacevole vicenda l'avrebbe dato una battuta della Iena: "Complimenti per lo sbarco in Cina!" mal digerita da Barbareschi che a quel punto ha reagito bruscamente lanciando per terra la telecamera e calpestandola. Poi ha spintonato il cameraman e prima di scappare via nel suo studio, gli ha strappato il cellulare di mano, rifiutando di riconsegnarlo. "Nessuna domanda strana o cattiva. Quello che posso immaginare - racconta Filippo Roma all'Ansa -e' che molti politici avendo la coda di paglia appena vedono le Iene impazziscono e hanno una reazione smodata, perche' chissa' che pensano. Oppure ha qualcosa da nascondere. Io gli ho fatto una semplice domanda: 'Complimenti stai portando il cinema italiano in Cina...'. Una domanda per cui è giustificabile un'aggressione fisica così veemente?".

Sul posto sono arrivati anche i Carabinieri chiamati da Marco Occhipinti a cui è stato sottratto il cellulare: "Mi ha derubato: quello è un telefono personale, con dati sensibili, le foto di mio figlio". L'iPhone infatti non è stato riconsegnando, sembra addirittura che sia sparito nel nulla. Si chiede Roma: "Perché non lo arrestano? Se beccano un extracomunitario con un cellulare rubato lo arrestano subito...".

In serata è arrivata la replica di Luca Barbareschi che ha fornito una versione completamente diversa di come sono andate le cose. L'attore racconta di essere stato lui la vittima dell'aggressione da parte delle Iene: "Oggi alcuni soggetti qualificatisi come inviati delle Iene, i quali muniti di telecamere, dopo essersi fraudolentemente introdotti sul set cinematografico del film "Mi fido di te", malgrado già precedentemente respinti, mi hanno raggiunto nei locali dei servizi igienici dove mi trovavo". Un'invasione della privacy, dunque?

"Lì non paghi di aver violato un privato domicilio e l'intimità del sottoscritto - dichiara il regista - mi hanno irretito verbalmente e fisicamente tanto che ne è scaturita una colluttazione a seguito della quale la loro telecamera è andata in terra. Il tutto al cospetto dell'intera troupe. Dell'assurda vicenda sono stati informati i carabinieri e delle conseguenze se ne occuperà la magistratura".

Il racconto di Filippo Roma

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2016