Excite

Bruzzone e Vespa accusati di pubblicità occulta dal sindacato di polizia. Il conduttore: 'Impossibile', la criminologa: 'Mucchio di falsità'

Problemi in vista per Roberta Bruzzone? Il sindacato Polizia Nuova Forza Democratica ha presentato un esposto contro la criminologa che secondo le accuse avrebbe fatto "pubblicità occulta, svolta anche con magliette e sottopancia nel corso delle trasmissioni, forniture di materiale per la polizia scientifica. E convegni organizzati presso la Questura di Roma da società private". Non ci sarebbe alla base un comportamento illecito ma la lettera sta facendo molto discutere.

Stando a quanto racconta Il Fatto Quotidiano il sindacato "punta il dito sui costi del materiale in uso alla polizia scientifica come la polvere per il rilievo delle impronte digitali. Sarebbe possibile - si sostiene - acquistare prodotti della medesima qualità evitando i dazi doganali sui prodotti americani con un risparmio dal 20 al 30%". Il quotidiano ha controllato che il nome della Bruzzone non risulta tra i soci dell'impresa ma Filippo Bertolami, segretaro del sindacato, spiega che dai siti internet della criminologa emerge una partnership tra la sua fondazione e l'importatore accennando anche al rapporto "con lo stesso programma della tv pubblica Porta a Porta anche con magliette e sottopancia nel corso delle trasmissioni".

Roberta Bruzzone: "Virginia Raffaele? Parodia sessista". Attacca Maria De Filippi: "Bloccò sua imitazione"

Vespa smentisce categoricamente ogni coinvolgimento o pubblicità occulta: "Mi pare impossibile. Sto molto attento. Se qualcuno l' ha fatto, non accadrà più. Stiamo attentissimi". Smentite nette anche dalla crimonologa: "Quella lettera riferisce un mucchio di falsità. Ho già consegnato personalmente una lettera al capo della polizia per chiarire le cose". Il caso si chiuderà qui o avrà strascichi a Viale Mazzini?

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2016