Excite

Caso Rigamonti, D'Urso contro Perego: "Incivili a rubarci l'ospite", la replica: "Già In collegamento con noi"

  • Rai-Mediaset

di Giuseppe Candela

La sfida tra Barbara D’Urso e Paola Perego è ormai iniziata da qualche mese, i non ottimi rapporti tra le due signore del pomeriggio sono noti da tempo ma quanto accaduto ieri pomeriggio ha davvero dell’incredibile. Avete presente quando a fine gara il calciatore di turno viene subito preso dagli inviati di tv concorrenti e fa il giro delle sette chiese? Ecco qualcosa di simile è successo ad Annibale Rigamonti, padre di Maurizio in fuga con suo figlio Leonardo da oltre dieci giorni. Dopo una lunga battaglia legale con la ex moglie l’uomo ha deciso di compiere questo atto estremo e di scappare con il bambino di otto anni.

Pomeriggio 5: bestemmia in diretta durante il servizio su Tristan de "Il Segreto". Barbara D'Urso in imbarazzo

Arriviamo al punto. L’ospite in questione è stato prelevato dal programma di Canale 5 per andare in onda dopo pochi secondi in quello di Rai1. A Pomeriggio 5 Barbara D’Urso lancia un servizio esclusivo con protagonista il bambino e alla sua conclusione Annibale Rigamonti abbandona il collegamento. Il motivo lo svela l’inviata che spinta dalla conduttrice rivela che “è stato prelevato da alcuni colleghi”, la D’Urso lascia intendere che si tratta de La Vita in diretta e li definisce “poco civili”. Basta sintonizzarsi su Rai1 per vedere Paola Perego intervistare Annibale Rigamonti.

La Vita in diretta, Alda D'Eusanio contro Max Tresoldi: "Quella non è vita". Di Mare e la Rai si scusano

La replica arriva dopo qualche ora sul blog ufficiale de La Vita in diretta: “Il sig. Annibale Rigamonti, papà dell’uomo in fuga da giorni con il figlio,era già in collegamento audio/video con la #vitaindiretta dalle ore 15:45. Quindi ben prima dell’inizio della trasmissione concorrente. I commenti negativi si basano su informazioni errate. La Vita in Diretta sta seguendo la vicenda della famiglia Rigamonti da giorni, attenta a dare spazio a tutte le parti in campo e con l’obiettivo di mettere al primo posto l’interesse del bambino. Ragion per cui abbiamo deciso di non mandare in onda il video di Leonardo, scandaloso esempio di esposizione mediatica di minore nella lotta tra genitori”.

Mancano alcuni passaggi per stabilire chi abbia realmente ragione anche se a prescindere quanto accaduto resta imbarazzante. La qualità latita e gli ascolti pure, guardando la tv del pomeriggio viene voglia di citare Caparezza “come ti sei ridotta in questo stato”. Ah dimenticavo, ovviamente loro lo fanno “nell’interesse del bambino”.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020