Excite

Costanzo e De Filippi show dalla Venier (invitata ad Amici). D'Urso in campagna elettorale, operazione simpatia per Toti

  • Rai-Mediaset

La domenica televisiva è stata caratterizzata da due interviste, stiamo parlando dell’ospitata di Giovanni Toti a Domenica Live e di quella di Maurizio Costanzo, con incursione telefonica di Maria De Filippi, a Domenica In. Partiamo dal programma condotto da Mara Venier che ha ospitato in occasione di Trenta ore per la vita anche Lorella Cuccarini, ex conduttrice del programma lo scorso anno. Assolutamente degna di nota l’intervista che ha realizzato a Maurizio Costanzo che per molti anni ha sfidato proprio la Venier con Buona Domenica. Ovviamente si è partiti dalla lunghissima carriera del giornalista e conduttore passando dal successo del Maurizio Costanzo Show all’attentato mafioso di Via Fauro subito anni fa.

Barbara D'Urso conduce l' Isola dei Famosi su Canale 5?

L’intervista si è “accesa” con l’intervento telefonico di Maria De Filippi che ha creato un clima divertente e simpatico raccontando e mostrando tutta la premura che ha verso il marito con cui è sposata dal 95: “Ogni mattina gli dico come deve vestire. Siccome quando mangia si sporca, deve cambiargli il vestito tutti i giorni e lui si offende. Litighiamo anche sulle scarpe. Sta sempre seduto male, io lo sgrido quando sta in tv perché sembra tutto insaccato. Deve stare più dritto e non con la schiena appoggiata. (…) Si rifiuta di bere acqua e beve solo aranciata. Controllo quello che beve in casa ma non posso farlo quando lui è in ufficio. E allora ho una serie di spie. E’ un bugiardo. Lo faccio giurare su nostro figlio anche se non si fa. Io non ti ho mai controllato il cellulare ma ti chiedo solo di bere. Una volta fumava anche. Lui aveva smesso ma poi aveva ricominciato a fumarle di nascosto. Da Sanremo, mi spedì una foto con un mozzicone di sigaretta per terra.”

Costanzo ribatte con tono scherzoso: “Lei fa fare la foto alla bottiglia per controllare se è vuota o semi-vuota. Io mi rivolgo ad Amnesty International. Ho le segretarie che mi fanno la spia. Mi manca la fustigazione. Sono sicuro che se entro in un bar e chiedo un cornetto, mi arrestano. Quello che dice non mi dà fastidio. Mi dà fastidio la persecuzione.” Dopo il siparietto in stile Sandra e Raimondo il giornalista si è lasciato andare a dichiarazioni serie sul suo rapporto con la conduttrice: “Maria e io stiamo insieme da più di vent’anni. E’ la persona accanto alla quale vorrei morire. Se non avessi incontrato Maria? Avrei sperato di incontrare Maria.” L’intervista si è conclusa con l’invito alla Venier ad Amici se Leone te lo consente. Merito alla conduttrice di aver portato a casa una bella intervista, forse bisognerebbe ragionare bene sulle capacità della signora Venier piuttosto che archiviarla con troppa facilità.

Discorso diverso invece per la D’Urso intervista realizzata a Giovanni Toti a Domenica Live. L’ex direttore del Tg4 e di Studio Aperto è ora consigliere politico di Silvio Berlusconi e candidato alla elezioni Europee. Toti viene introdotto da It’s my life di Bon Jovi e dalla grafica “Tutto quello che non sapete di Giovanni Toti” e fin dai primi minuti si è avuta la sensazione che la D’Urso sia entrata in clima da campagna elettorale come ha fatto anche in altre occasioni in passato. Affettuosità, attestati di stima, ostentazione di amicizie comuni e il tutto sembra finalizzato a dare carisma ad un personaggio che proprio non sembra mostrarne. Colloquio zuccheroso in par condicio basato sui continui riferimenti al “capo” in comune. E poi non manca l’amico di sempre, il dissenso dei genitori per la scelta di entrare in politica. Bastano poche frasi per capire il contesto.

“Giovanni mangia moltissimo! E’ fantastico andare a cena con lui perché gli piace mangiare!” “attacca” la D’Urso, “I tuoi programmi fanno ascolti e hanno tanta pubblicità, questo è un bene non solo per Mediaset ma per l’intero paese” risponde l’amico Toti. Potevano mancare gli elogi a Mediaset? “Una società che rispecchia il mondo della meritocrazia berlusconiana. Berlusconi ha creato un mondo dove il valore delle persone conta davvero. Sono entrato qua che non conoscevo nessuno e alla fine sono diventato direttore di Studio aperto e del Tg4″. Ovviamente applausi scroscianti. Barbarella ricorda che Francesca Pascale è stato “un ingresso provvidenziale nella vita del presidente” e Toti rincara comprendendo “che sia facile essere gelosi di una persona che sta accanto a Silvio Berlusconi”.

Imitazioni di Renzi e Camusso, attacchi ad Alfano e Bonaiuti che hanno tradito Berlusconi che per fortuna “è una persona molto comprensiva, anche troppo. Ragiona in modo pre-politico, umano. I suoi collaboratori hanno con lui un rapporto che va oltre l’attività politica, lo sai anche tu Barbara!”. Insomma una vera e propria operazione simpatia da campagna elettorale durata 37 minuti. Lasciate stare la D’Urso, tiene famiglia.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017