Excite

Estate in diretta e l'overdose di cronaca nera, Sottile e Daniele ci provano ma con poco feeling (arriverà?)

  • Facebook

Il debuttto di Estate in diretta lascia più di un dubbio. Alle 14.05 prende il via la versione estiva de La Vita in diretta con la stessa sigla (perchè?), una scenografia semplicemente brutta e poco estiva a cui si aggiunge una regia elementare e traballante che fa pensare di essersi sintonizzati su una tv locale quando durante un'intervista compare un cameran. Disattenzione anche alla grafica quando nel servizio dedicato a Papa Francesco a "qual è" viene aggiunto l'apostrofo.

(Fiorello imita Salvo Sottile)

Si parte con i maltrattamenti subiti dai bambini di una scuola di Andria, si passa al caso di Domenico Maurantonio, si continua con Loris Stival, una parentesi su Roberta Ragusa, gli aggiornamenti su Guerrina Piscaglia per poi passare ai due rom catturati dopo l'omicidio di Corazon a Roma mercoledì scorso. Questa potrebbe tranquillamente essere la scaletta di Quarto Grado o di Chi l'ha visto ma l'overdose di cronaca nera appena dopo pranzo per quasi due ore è eccessiva. Troppi ospiti e troppi servizi poi non aiutano il racconto.

Chiude A Conti Fatti, Storie Vere si allunga a settembre?

Sembra sbagliata la scelta della fascia oraria e soprattutto se almeno in estate non si riesce a ridurre la quantità di casi del genere allora bisognerebbe porsi qualche domanda. Anzi in questo caso andrebbe posta ad Enzo Iacopino, presidente dell'Ordine dei Giornalisti, presente in studio. Emozionatissimi, com'è normale che sia al debutto, i conduttori si affidano troppo al gobbo e non sembrano particolarmente affiatati.

La Daniele è più a suo agio a Storie Vere (che al mattino viaggia sul 20% di share) e qui pensa di replicare lo stesso format aggiungendo l'aspetto Quarto Grado, tanto caro a Sottile, ma risulta più gelida. Riesce però finalmente a sciogliersi durante l'intervista a Lino Banfi e dopo quasi due ore di cronaca nera l'arrivo dell'attore pugliese, che parla della poesia scritta al Papa, fa tirare un sospiro di sollievo.

Il conduttore, a differenza di Quaranta nella scorsa stagione, non scompare e mantiene la sua credibilità provando con il passare dei minuti ad abbandonare la ridigità che gli appartiene e da questo punto di vista sembra apprezzabile l'idea di affidargli il talk su Albano e Romina poi però torna sulla nera e automaticamente si appesantisce di nuovo. A voler essere sinceri il problema principale della coppia è il paragone con i conduttori della versione invernale perchè Liorni e Parodi sembrano davvero di un altro livello dal punto di vista professionale ma anche solo visivo.

Sottile e Daniele al pomeriggio non sembrano indossare le scarpe del proprio numero che al momento forse troverebbero negli scaffali della seconda serata il primo e al mattino la seconda. Il debutto di Estate in diretta raggiunge a fatica la sufficienza ( grazie alle due parti più leggere) ma c'è il tutto il tempo per migliorare il feeling tra i conduttori ma soprattutto per alleggerire i contenuti. Canale 5 ha scelto di programmare film in replica quindi il programma non dovrebbe avere problemi di ascolti o almeno questo si augurano in Rai. C'è tempo per crescere e la strada è lunga "ma anche" breve.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017