Excite

Filippa Lagerback contro la tv italiana

La showgirl Filippa Lagerback, compagna di lavoro di Fabio Fazio a Che tempo che fa, in un'intervista a Novella 2000 si è scagliata contro la televisione italiana, a suo dire troppo maschilista e vecchia.

Secondo l'ex modella svedese: "In Italia puoi fare solo la valletta, all’inizio. In Svezia le vallette non esistono. O conduci un programma o niente. Le donne svedesi sono super emancipate. Nessuno si permetterebbe di fare commenti sulle tue gambe. Da noi conta solo il cervello. Da Fazio ho imparato tanto. Il mio ruolo è piccolo, ma lo sapevo fin dall’inizio. E il mondo della tv è fatto così. Una lascia, l’altra entra. Comunque gli autori mi preparano sempre qualcosa da dire. E mano male. Altrimenti avrei presentato Marco Tronchetti Provera non come presidente Pirelli o manager, ma solo come il signore Afef".

Se inizialmente il suo intervento può sembrare la semplice smania di protagonismo di una donna che sputa nel piatto in cui mangia, si nota invece come le sue siano parole dettate del buonsenso: "Ho capito che in Italia il tran tran televisivo si basa sulla ripetizione. Ci sono sempre le stesse facce, non si dà spazio ai giovani. In Svezia, per esempio, Ballando sul ghiaccio l’hanno affidato a due conduttrici trentenni".

Polemica sì, dunque, ma a ragione: il suo intervento, dimostrabile sintonizzandosi sui canali degli altri Paesi europei, segue a ruota quelli di Mike Bongiorno, Pippo Baudo, Fiorello, Antonio Ricci e tanti altri personaggi del mondo della televisione.

Semmai è difficile capire come possa parlare proprio una delle miracolate della televisione italiana. Pur non mettendo in discussione la sua professionalità, non è comprensibile da quale pulpito venga la predica. E poi, se non gradisce la nostra televisione - che oggettivamente va cambiata - perché ha accettato di cominciare la sua carriera come valletta?

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017