Excite

Montecitorio, protesta dipendenti Mediaset di Videotime

Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).
Armati di fischietto e cartelli, i circa duecento dimostranti riuniti in piazza Montecitorio, per protestare contro la cessione decisa da Mediaset del ramo truccatori-parrucchieri-sarti di Videotime alla società Pragma Service. Per molti non si tratta di una semplice cessione di ramo aziendale, ma di una mirata cessione di contratti di lavoro, che rischia di far perdere il posto a 56 persone (foto © LaPresse).

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2016