Excite

Fulvio Benelli: "Mai pagato rom, Mediaset sapeva". Del Debbio: "Il mio pubblico si fida di me" (VIDEO)

  • Mediaset

"Non ho mai pagato. A questo ragazzo che mi ha accusato al massimo avrò offerto un pranzo da McDonald's. Anche Striscia si è dissociata dicendo che è 'lui a parlare di soldi'. C'è chi parla di "finto rom", qui siamo davanti ad un vero rom e un vero truffatore" dichiara Fulvio Benelli in un'intervista al quotidiano Il Tempo dopo le accuse di Striscia la notizia a Quinta Colonna e Dalla vostra parte per aver taroccato due servizi.

Mediaset in un cominicato aveva annunciato il licenziamento dell'inviato facendo in qualche modo cadere su di lui tutte le colpe. Benelli racconta del primo incontro con il "rom polivalente" avvenuto per caso a Mestre in occasione di un vox populi e di aver ricevuto dopo un paio di settimane la sua chiamata per raccontare come i rom truffano gli italiani. Il giornalista precisa che i suoi capi erano al corrente di tutto: "La storia mi sembra buona e ne parlo in redazione. E' naturale, funziona così l'organizzazione di un programma. Peraltro ero a Mediaset da 8 mesi, non avevo e non ho l'autonomia per decidere da solo."

Mediaset licenzia Fulvio Benelli dopo le rivelazioni di Striscia la notizia

I suoi superiori danno l'ok e Benelli va a Mestre dove scopre che il truffatore è proprio il rom e gli chiede di mostrare il meccanismo: "A questo punto si offre veramente di rubare una macchina ma io, per non essere responsabile di un reato, gli dico di realizzare un finto furto utilizzando la macchina dell'operatore." La redazione, dice Benelli, ne era a conoscenza e una volta rientrati in studio Del Debbio avrebbe dovuto precisare che si trattava di una ricostruzione cosa che poi non avrebbe fatto.

Due servizi falsi nei talk di Del Debbio? Il video

Il giornalista chiede di spiegare con un comunicato o nel programma quotidiano di Del Debbio ma non succede e viene convocato da Mediaset dopo il servizio di Striscia ma attende fuori alla porta fin quando gli viene comunicato il licenziamento."Nel comunicato dell'azienda si accredita la versione che si tratti di un finto rom e di un finto truffatore. Chiedo spiegazioni ma non ne ricevo. Nella lettera di licenziamento si dice addirittura che io abbia ammesso le mie colpe. Ma quando? Non mi hanno voluto nemmeno sentire!" attacca Benelli che fa sapere che andrà in tribunale per far valere le sue ragioni.

Nella puntata in onda lunedì scorso Del Debbio ha parlato del caso Benelli usando torni particolarmente duri: “Su questo caso, in settimana, ci sono stati falchi, falchetti, e secondo me anche un po’ di piccioni. Se uno mi dice che io ho sbagliato o uno dei miei ha sbagliato, gli rispondo: ‘Ok, infatti quello lì non lavora più per noi’. Ma se uno mi dice: ‘Eh, Del Debbio, questi sono i tuoi metodi: vai in giro, paghi la gente, fai vedere i servizi taroccati perché vuoi alimentare l’odio razziale’, allora gli dico che è un perfetto cretino“.

Del Debbio continua contro i detrattori: "Mi devono dire che non ci sono campi rom non autorizzati, mi devono dire che ci sono i rom perbene e quelli che delinquono, e, se vuol saperlo, gli mostro i nostri servizi in cui questi rom lo dicono. E mi deve dire soprattutto che nelle periferie italiane non ci sono problemie uno non ammette questi fatti, vuol dire che ha sempre vissuto in un salottino con le finestre chiuse, con tanti quattrini e senza problemi. E di quello lìio me ne fotto. Questo è quanto. Poi magari qualcuno continuerà con queste accuse e ci si vedrà pure in tribunale. Ma ora parliamo di cose serie. Tanto io mi fido del mio pubblico e io credo che il mio pubblico si fidi abbastanza di me. Quindi, tutta quella panna montata che c’è intorno non mi interessa. Facciano pure e si divertano”. In alto disponile il video. Il servizio era realmente taroccato o ha ragione Benelli? Del Debbio ne era a conoscenza? Domande che per ora restano senza risposta.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017