Excite

I cantanti lirici sono dopati

Nuovo scandalo doping. E non parliamo dell'ennesimo Tour. Questa volta le accuse ricadono sul magico mondo della lirica e provengono dagli stessi tenori. A lanciare l'allarme è Endrik Wottrich, 43 anni, celebre ugola wagneriana: "Certi manager sono come locuste, sanno che una bella voce può rendere milioni. Così vogliono sfruttarla il più possibile ... nessuno ne parla mai ma il doping è diventato un fatto normale nella lirica. I solisti prendono farmaci betabloccanti per controllare l'angoscia, vari tenori prendono cortisonici per esser certi che la loro voce tocchi certi picchi. E l'alcol è roba comune (...) I livelli di stress nel nostro lavoro sono diventati intollerabili. Siamo costretti a viaggiare e a esibirci in continuazione, ci roviniamo anche per la paura di non essere all'altezza". Gli fa eco la mezzosoprano bulgara Vesselina Kasarova "L'opera lirica si sta cannibalizzando da sola, .. sono sempre di più quelli fra noi che usano i farmaci per reggere a un certo stile di vita, o la chirurgia plastica per migliorare il proprio aspetto fisico".

I presunti casi di doping sarebbero provati anche dai sempre più frequenti ritiri improvvisi dei cantanti alle vigilie delle rappresentazioni. E' accaduto allo stesso Wottrich, che a Bayreuth ha rinunciato allo spettacolo a causa di un raffreddore che egli stesso ha definito "insolito", ma anche alla soprano russa Anna Netrebko, ritiratasi dallo Stabat Mater di Pergolesi per una presunta laringite. E non sono casi isolati. Paura di rovinarsi la carriera per una stecca, troppo stress o semplice vizi di artisti famosi e strapagati?

Anche i manager degli artisti non negano i casi di doping nel mondo della lirica, così Angelo Gabrielli, manager di diversi artisti, ammette che "il modo migliore per prendersi cura della propria voce e assicurarsi così una lunga carriera è invece riposarsi, esibirsi in 40, massimo 50 recite all'anno e salire sul palco solo se in buona forma fisica". Franco Moretti, direttore generale della Fondazione Festival Puccini, sottolinea però che "ci sono anche molti bravi artisti che, pur sottoposti allo stress, sanno che questi comportamenti sono rimedi controproducenti e che, se si sottopongono a diete dimagranti, lo fanno con raziocinio"

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017