Excite

Il riscatto sociale di Ferdi

Il Grande Fratello è giunto anche quest’anno alla sua conclusione ed è il momento di tirare le somme per capire se ha lasciato dei segni futili o importanti nella società. A dare un giudizio complessivo su questa nona edizione del programma è il critico Aldo Grasso che riconsidera e rivaluta la trasmissione dopo la vincita di Ferdi.

Speciale Grande Fratello 9

Il reality è sempre stato visto come un esempio di tv volgare ma questa volta si è dimostrata ”l'ultima possibilità che un giovane ha per il suo riscatto sociale”, così come è successo per Ferdi, Marcello e Gerry. Il critico aggiunge: ”Nei reality non è più tempo di Tariconi, di palestrati, di bagnine o arriviste sociali; sul tavolo da gioco, la realtà ha calato le sue carte vincenti: il ragazzo di origine rom arrivato clandestinamente in Italia, la pasionaria dell'Alitalia, il non vedente, la omosessuale, l'orfana, i portatori sani di infanzie difficili, i figli di coppie scoppiate”.

Per Grasso, quindi, c’è da rivalutare il reality, soprattutto se spinge a riflettere, a confrontarci su temi che consideriamo come lontani dalla nostra realtà. Conclude dicendo:”Con il «sociale» ha vinto anche un po' la nostra ipocrisia. «Sociale» è ormai espressione che sta a indicare la dura realtà del vivere, dall'ambiente al lavoro, dai rapporti all'assistenza. Fa parte del lessico del politicamente corretto. Così come da tempo esiste un modo «giusto» di interpretare la realtà che consiste nel creare una maggioranza sempre pronta ad accettare le cose purché siano linguisticamente accettabili (no a spazzino, sì a operatore ecologico), così esiste un modo giusto di fare tv che consiste nell'affrontare la realtà attraverso una rappresentazione accettabile: né vera né falsa, accettabile”.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2016