Excite

Il Tg1 contro gli sforamenti della Rai

Il comitato di redazione del Tg1 è stato costretto a richiedere il rispetto degli orari di messa in onda dei telegiornali di mezzasera e notte che, a causa della ricerca della vittoria nell’Auditel, partono sempre più tardi.

Gli esempi più clamorosi, riportato dalla rappresentanza sindacale, sono quelli di sabato 20 settembre e sabato 27 settembre. Nel primo caso, il telegiornale è cominciato all’01.12 anziché alle 23.49, un’ora e venti minuti oltre l’orario previsto; nel secondo caso, invece di cominciare alle 23.48, il Tg è iniziato alle 24.53, un’ora e cinque minuti dopo.

La nota della redazione, diretta da Gianni Riotta, dice: “Rispettare gli orari significa rispettare i telespettatori che attendono aggiornamenti e notizie dopo le 20, rispettare i compiti del servizio pubblico, e rispettare il lavoro di tutti i dipendenti, giornalisti, montatori, registi, operatori di studio e tecnici, che coprono i turni notturni (turni che superano ormai le dieci ore). E' ricominciato il palinsesto autunnale e, come tutti gli anni, il Tg1 si ritrova alle prese con sforamenti incontrollati dei programmi di Raiuno in diretta (e non) di prima e seconda serata. Ogni martedì, mercoledì, giovedì e sabato le edizioni serali e notturne del Tg1 vanno in onda regolarmente in forte ritardo”.

Già due anni fa, come ricorda il Cdr, la Rai si era impegnata a risolvere il problema sfumando i programmi in diretta ma, a quanto pare, la consuetudine è stata dimenticata.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017