Excite

La Scimmia, chiude il reality di Italia1 dopo due puntate

La Scimmia scompare dagli schermi tv dopo sole due puntate: praticamente un record (negativo) per il reality show di Italia1 prodotto dalla Taodue di Pietro Valsecchi. Esperimento fallito, decisamente. E non solo per la pioggia di critiche che sono piovute sul progetto prima e dopo il debutto, ma soprattutto perchè a far fronte alle polemiche non sono arrivati i risultati sperati, anzi. Gli ascolti imbarazzanti di poco più di un milione di spettatori per la prima puntata e solo 805 mila per la seconda, hanno contribuito definitivamente ad affossare il reality condotto da Giulia Bevilacqua.

La conduttrice de "La Scimmia" Giulia Bevilacqua: guarda le foto

A comuncicare la scelta di chiudere La Scimmia è stato Pietro Valsecchi, amministratore delegato di Taodue e ideatore del programma: "Ho deciso che il programma La Scimmia è da oggi sospeso. E’ stata una bellissima avventura che sicuramente rifarei e che non rinnego. Rimane un progetto in cui credo, sia per i contenuti che per la sua forza innovativa. Tuttavia, visti i risultati, che vanno considerati con assoluto realismo, ho deciso di mettere fine a quest’esperienza. Ringrazio gli autori, i conduttori Giulia Bevilacqua e Niccolò Torielli e tutti quelli che hanno collaborato al programma".

La Scimmia: tutti i concorrenti del reality

Pensato inizialmente per il web, arrivato in tv dopo un balletto di nomi sulla conduttrice (inizialmente sembrava certa la presenza di Alessia Marcuzzi, ndr), La Scimma non è mai decollato: il reality show aveva come scopo quello di aiutare un gruppo di ragazzi a prendere la maturità, ma l'idea di portare una classe in tv, con professori, interrogazioni e ospiti speciali, non ha certo colpito nel segno. Il pensiero di Valsecchi va proprio ai maturandi che avevano intrapreso l'avventura de La Scimmia con lo scopo di diplomarsi dopo aver fallito il tentativo almeno una volta: "Ai ragazzi, che abbiamo conosciuto in queste settimane, va il mio pensiero e il mio affetto; troverò per tutti una soluzione. Ribadisco che per me aver fatto La Scimmia non è una sconfitta ma una vittoria, perché considero vittorioso il coraggio di aver tentato una strada difficile e di averci creduto fino in fondo. Mi sono comunque molto divertito e tornerò presto con un nuovo progetto".

A fare pressioni sul programma, oltre ai risultati deludenti, sono state certamente le reazioni del mondo studentesco, già in fermento per i tagli alla scuola e all'università, che si è fatto subito sentire al grido di "La scuola non è un reality, dai un calcio a La Scimmia". Intervistati dal Corriere della Sera, i dirigenti del Movimento Studentesco Nazionale Andrea Moi e Edoardo Melmeluzzi hanno lanciato un preciso appello alla cancellazione del programma: "Chiediamo che il reality La scimmia, diseducativo e offensivo, venga subito chiuso e che gli studenti che hanno preso parte al programma siano mandati in dei veri istituti di istruzione e non sotto i riflettori dove vengono solamente umiliati ed illusi".

Ad ogni modo la decisione di chiudere il reality sembra tutta interna a Taodue, visto che Italia1 ha fatto sapere che avrebbe continuato a trasmettere il reality sperando di risollevare le sorti degli ascolti. Il direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi non ha nascosto la sorpresa di fronte alla scelta di troncare l'esperimento: "Noi saremmo andati avanti ancora per almeno altre due settimane. Ho parlato a lungo con Valsecchi per cercare di dissuaderlo, ma la sua posizione è stata irremovibile. Il progetto e sue altrettanto sono le decisioni".

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2016