Excite

La Vita in diretta "si sporca le mani" con stile tra problemi audio e durata eccessiva. Liorni e Parodi perfetti padroni di casa

  • Facebook

In tv a fare la differenza non è il cosa ma il come. In questa frase c'è il motivo per cui il debutto della nuova edizione de La Vita in diretta merita la promozione. Niente "esclusive" urlate, "ciao signore", parac*late per gli anziani o apparizioni di madonne. A Liorni e Parodi basta una sola puntata per scacciare via tre mesi "di pancia" della coppia Sottile-Daniele che si erano dati al copia e incolla dursiano con fini geriatrici. Questa volta la differenza con il competitor D'Urso si avverte e per il servizio pubblico questo è solo il minimo sindacale.

Il conduttore non sapendo di essere in onda si lascia andare ad un "me**a" portafortuna e subito dopo saluta la coppia estiva (che non si era nemmeno degnata di annuciarli) mostrando quindi la differenza di stile. La prima ora scivola via tra i casi di cronaca caldi con collegamenti e commento veloce in studio e si inseriscono servizi più leggeri tra Sofia Loren e spazi dedicati alla Regina Elisabetta. Si riesce a parlare di migranti con rispetto e dando chiavi di letture differenti evitando facili populismi, non una cosa da poco per un contenitore pomeridiano.

Pomeriggio 5 e Estate in diretta, il pomeriggio fotocopia "in esclusiva"

La coppia aveva già convinto lo scorso anno il pubblico della rete ammiraglia e torna in onda quest'anno con maggiore consapevolezza ma sopratutto con la voglia di sporcarsi le mani per rubare qualche spettatore alla concorrenza. Allora l'intervista a Don Mazzi viene gestita bene dalla Parodi che evita il trash su Corona ma si sofferma sul caso Levato e su Erika Nardi ponendo le giuste domande (sarebbe stato meglio evitare la pubblicità all'agenda).

Cristina Parodi, l'intervista di Excite.it

Liorni guida un blocco dedicato a Platinette che si sottoporrà domani ad un intervento dimagrante, il collegamento con l'ospedale, Mayer opinionista. Il rischio trash sul pseudoreality esiste ma viene scacciato via dalla leggerezza con cui si affronta il tutto. Una svolta "pop" dovuta forse alla carenza di budget che porta comunque il programma in trending topic su Twitter per tutta la durata. Liorni evita il sensazionalismo, si incuriosisce e tiene in mano le redini del dibattito arrivando al punto.

La Parodi ha raggiunto una maggiore sicurezza, è giornalisticamente competente e riesce a passare agevolmente da argomenti leggeri a quelli più seri. C'è troppa cronaca nera al debutto, la tv del pomeriggio sembra non riuscire a farne a meno ma bisognerebbe almeno ridurne la quantità. Mentre la D'Urso schiera una sensitiva a Rai 1 almeno evitano questo strazio. La durata eccessiva però rischia di stancare, quattro ore e mezza al giorno sono davvero troppe.

Lunedì arriverà Torto o ragione a ridurre il tutto ma non si capisce perchè la Rai abbia scelto di rinviare di una settimana il programma prodotto da Endemol. La regia traballa e non mancano i problemi audio, più volte durante i collegamenti si sentono le voci in studio (roba da tv locale). Era solo la prima e La Vita in diretta va promossa con una coppia televisivamente perfetta, se riesce ad ottenere ospiti di maggiore peso e opinionisti diversi allora può fare davvero il salto di qualità.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017