L'amicizia e la crisi del settimo anno

Uno studio condotto dal sociologo olandese Gerald Mollenhorst svela che quella del settimo anno è una crisi che non riguarda solo l'amore, ma anche l'amicizia. Secondo quanto emerso dalla ricerca ogni sette anni perdiamo i contatti con la metà dei nostri amici.

Il sociologo ha cercato di capire in che modo il contesto in cui le persone si incontrano influenza la durata di un'amicizia e per far ciò ha condotto lo studio in due fasi. In un primo momento Mollenhorst ha intervistato circa mille persone comprese tra i 15 e i 65 anni; a queste ha chiesto quali fossero i loro migliori amici, le persone che maggiormente frequentavano, quelle con cui si confidavano, quelle con cui condividevano gli hobby e dove le avessero conosciute. Dopo sette anni ha ricontattato le stesse persone e ha fatto loro le stesse domande.

Ebbene, dalle risposte è emerso che gli intervistati aveva conservato i contatti solo con il 48 per cento dei vecchi amici e di questi solo il 30 per cento aveva mantenuto la stessa importanza rispetto a sette anni prima. Il sociologo, inoltre, ha potuto rilevare che il contesto sociale ha un'importanza determinante nella formazione delle relazioni. A quanto pare si tende a scegliere nuovi amici in un ambiente in cui si hanno già altre conoscenze.

Lo studio ha fatto emergere anche un altro dato significativo. Ossia non è detto che gli affetti dell'infanzia siano i più duraturi. Per mantenere un'amicizia a lungo, infatti, è essenziale una costante frequentazione.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2014