Excite

Le Iene, appello di Celentano per Sofia. Il Ministro Balduzzi incontra i genitori

  • Mediaset

Una puntata particolarmente ricca quella de Le Iene andata in onda ieri sera, 10 marzo, su Italia 1. Il programma condotto da Ilary Blasi, Teo Mammucari e la Gialappa’s band ha saputo alternare ancora una volta inchieste e servizi leggeri creando un mix molto piacevole. Ma andiamo con ordine. Si parte con Giulio Golia che ci racconta la storia di una commercialista che ha truffato tutti i suoi clienti, ma anche amici nella vita di tutti i giorni, non presentando le loro dichiarazioni dei redditi facendo diventare i clienti evasori fiscali ora finiti sul lastrico perché pieni di debiti.

Ilary Blasi in reggiseno a Le Iene, Twitter in rivolta: "Volgarissima". Guarda le foto

Filippo Roma incontra ancora una volta, dopo passati burrascosi, Gabriella Carlucci a cui contesta l’utilizzo della macchina del comune per fini personali. Nadia Toffa continua ad occuparsi di sanità e si sofferma sulle “tangenti ai medici” che prescrivono alcuni farmaci in cambio di soldi o congressi. Angelo Duro continua le sue Olimpiadi dell’illegalità mentre Enrico Lucci si occupa delle aspirazioni politiche di avvenenti signorine che hanno come modello Mara Carfagna e Nicole Minetti e sono convinte che Palmiro Togliatti fosse del Pdl. No comment.

Giulio Golia torna ad occuparsi, come è giusto che sia, della piccola Sofia, la bambina affetta da una malattia neurodegenerativa a cui sono state bloccate le infusioni di cellule staminali. Il caso ha suscito molto clamore e anche Adriano Celentano dopo aver visto la reazione del Ministro Balduzzi si è espresso sull’argomento sul Corriere della sera. Celentano fa ora un appello telefonico in cui chiede che Sofia possa usufrire del metodo Vannoni: Mi è difficile concepire la brutale discriminazione. Non si capisce perché altri bambini possono usufruire delle cure del metodo Vannoni e alla piccola Sofia vengono proibite perché ha avuto la sfortuna di nascere a Firenze. Le cose sono nate così, la bambina era totalmente paralizzata, poi ha cominciato a muovere le braccia. Il giudice ha detto, la bambina sta migliorando, bisogna bloccare le cure altrimenti guarisce. Il solito ritornello è che sono poco informato, che sarebbe meglio se cantassi. E’ la solita solfa di chi desta sospetti. Telethon coi soldi che prende dovrebbe adoperarsi.

Grazie al clamore mediatico che la storia sta suscitando i genitori di Sofia vengono ricevuti dal ministro Balduzzi che sostiene che il metodo Vannoni non sia adatto a Sofia mentre potrà ricevere altre cure staminali. Il tempo passa e la bambina peggiora. Il bravo Pablo Trincia è tornato ad occuparsi ancora una volta degli abusi nascosti dalla Chiesa. Un’altra vittima racconta gli abusi subiti da Don Nello e si chiede perché sia stato coperto perché così tanti anni. In rete è intanto partita una petizione contro il cardinale Calcagno all’epoca informato dei fatti e che parteciperà al prossimo conclave. Il momento migliore dell’intervista arriva quando la iena prova a porre domande sull’argomento ai cardinali arrivati a Roma per il Conclave, nessuno risponde.

L’incontro tra Scilipoti ed Enrico Lucci, la fuga del ministro Fornero, il fan omessuale dei calciatori, la iena cinese interessata alle dimensioni di Bergamasco e un’intervista a Paolo Villaggio completano la puntata. Ovviamente non sono mancati i cori degli Ultras dei Vip, vittime Lorella Cuccarini “Vola sei proprio una milfona!”, è stata poi la volta di Max Gazzè, Sarah Nile, Jorge Lorenzo e hanno chiuso in bellezza con un doppio coro a Nicole Minetti “Questa mazza mi si allunga quando penso al bunga bunga”. La nona puntata de Le Iene è stata vista da 3.193.000 e ha ottenuto il 15,23% di share.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019