Excite

Lite in diretta a Sky tg24, Paolo Chiariello interrompe collegamento. Polemiche con Selvaggia Lucarelli, scoppia la “questione Napoli”

  • Excite Italia

di Simone Rausi

La morte di Pino Daniele, da giorni, solleva tanta di quella polvere da non vedere più neanche le cose nella giusta prospettiva. L’addio all’artista, ormai relegata a fatterello di un contorno sbiadito, è solo il pretesto per dibattere sulla civiltà del popolo napoletano (messa in dubbio da qualcuno, osannata da qualcun altro, come se fosse possibile mettere un milione e trecentomila persone in massa sotto la voce “buoni” o “cattivi”). Un meccanismo di scatole cinesi dove, anche questa volta, alla fine troviamo Selvaggia Lucarelli...

I funerali di Pino Daniele a Roma. Guarda le immagini

La blogger, che negli ultimi mesi per liti mediatiche se la batte con Fedez e Tina Cipollari (Selvaggia contro De Sica, Enzo Miccio, gli Youtuber), ha pubblicato sul suo profilo Facebook il video di un servizio di Sky Tg24 in cui, il giornalista Paolo Chiariello si trova costretto a interrompere un collegamento da Piazza del Plebiscito a causa di una rissa scoppiata alle sue spalle. La Lucarelli non fa altro che condividere un contenuto già divenuto abbastanza popolare sul web e lo fa senza troppa ironia ma soprattutto senza allusioni alla “napoletanità” di qualunque stampo essa sia (il link qui in basso). Manco a dirlo, succede il finimondo.

Migliaia di insulti si riversano nella bacheca della Lucarelli, torna in auge pure l’hashtag #Selvaggianonmentire. Secondo i commentatori la blogger starebbe contribuendo, insieme ad altri media, a veicolare un’immagine diffamatoria di Napoli e dei napoletani. Il video della rissa non sembra andare in questa direzione ma, di contro, la Lucarelli ha un precedente: un post sulla parte marcia di Napoli (l'argomento erano i funerali di Pino Daniele) che le è valso centinaia di minacce e auguri di morte. Il web torna a sparare a zero sulla blogger e in questo marasma di odio trova posto pure Paolo Chiariello, il giornalista protagonista del video, che mette il carico a coppe…

Chiariello racconta di come la rissa scoppiata alle sue spalle sia stata causata da “un tossico in preda ai fumi dell’alcool e droga”, che il collegamento è stato interrotto “per non sporcare una giornata di lutto cittadino” e che una “tale Selvaggia Lucarelli” abbia usato le immagini per presentare “una Napoli che alberga solo nelle testoline bacate e zeppe di luoghi comuni e pregiudizi”. Partono gli insulti e i commenti al veleno pure dalla bacheca di Chiariello così la Lucarelli torna all’attacco e difende il suo intervento. “Peccato che Chiariello ci veda un attentato al giornalismo, a Napoli, alla libertà di pensiero” scrive. “Se non sa chi sono vuol dire che non legge neppure le prime pagine dei principali quotidiani del paese” (ora, con tutto il rispetto, non è che la Lucarelli venga esattamente dopo la crisi economica e l’Isis). Poi la stoccata finale: “Lo sappiamo che Napoli non è tutta così. Si rassereni, davvero. E infine, se lo lasci dire, visto che fa il giornalista sdegnato, sappia che sono sdegnata anche io nel vedere un italiano così sciatto e approssimativo nel suo post. Congiuntivi assenti, punteggiatura a caso, noncuranza scritto "non curanza" e così via. Del resto, l'ho vista in collegamento più volte in questi giorni e l'ho trovata decisamente non all'altezza del ruolo e della tv per cui lavora”.

Una breve telecronaca di un catfight che lascia il tempo che trova. Quello che invece fa restare di stucco è il teatrino trash da cui non si riesce ad uscire da giorni. Una baracconata in cui la commozione diventa un pretesto, in cui l’aggressività diventa odio e che dimostra, ancora una volta, che l’unica forza a muoverci tutti con tanta potenza è sempre il solito, logoro balletto di luoghi comuni.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017