Excite

Massimo Cacciari contro Sabina Guzzanti ad Otto e Mezzo: "Signora smettiamola di dire le palle"

  • La7

Puntata frizzante quella di Otto e Mezzo andata in onda ieri sera su La7. Ospiti di Lilli Guber l’attrice comica Sabina Guzzanti e Massimo Cacciari. In pratica scintille assicurate. "Aspettiamo la morte politica di Berlusconi" debutta la Guzzanti commentando la scelta del tribunale di Milano di affidare l’ex premier ai servizi sociali e coglie l’occasione per sottolineare una somiglianza con l’attuale presidente del consiglio: “L'anima di Berlusconi è già uscita dal suo corpo ed è entrata nel corpo di Renzi. Il premier prosegue il lavoro di Berlusconi”.

Questo è solo l’inizio perché quando ci si sposta sul tema del lavoro, in particolare sul job act, il clima si accende tra la comica e l’ex sindaco di Venezia: “Il Job Act va cambiato. Piace a Marchionne, la cosa mi preoccupa. Basta soldi pubblici a chi poi sposta le proprie imprese all'estero, le politiche che ci impone l'Europa vanno cambiate”. Cacciari in collegamento si accende e va su tutte le furie: "Non diciamo palle! Signora smettiamo la di dire palle, le cose non stanno così. Non c'è nero e bianco. I contributi spesso vanno a quelle imprese che investono in innovazione. Quindi è giusto darglieli".

Il match a distanza continua sulle donne in politica: “Mettere tante donne in lista è un operazione demagogica per spacciare questa cosa per rinnovamento. Le donne scelte non hanno esperienza invece in un ministero importante ci vuole esperienza. Le donne bellissime stanno in copertina ogni volta che c’è un problema, c’è la Boschi che sembra che baci quello, la Boschi che si china per raccogliere le chiavi. Questo è un trucchetto che non significa liberazione della donna. Sono armi di distrazioni di massa vere e proprie e lo sono sempre state, Berlusconi ha cominciato con la gnocca laureata…. Su twitter si scatenano in molti accusando la Guzzanti di sessismo, altri la lodano e la sua ospitata la porta alla quarta posizione tra i trending topic.

Ovviamente Cacciari non ci sta e ribatte: Perché Guzzanti fa questi paragoni? Non sono delle veline queste, non sono andate a letto con nessuno Dio Santo.” La comica però continua: “Secondo me la Kyenge e tutte le donne che hanno avuto un ruolo di governo in Italia finiscono nell'ombra, non hanno speranza di incidere nella politica che conta". Cacciari risponde prontamente: “Perchè non possono diventare una Merkel? Il suo ragionamento è completamente sbagliato”. In chiusura la Gruber prende le distanze: Io mi dissocio dalla Guzzanti....

Il video:

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017