Excite

Milly Carlucci ad Excite: "A Ballando con le stelle vorrei Renzi e Berlusconi per un boogie woogie! Notti sul ghiaccio parte a gennaio"

  • Rai

Lavora a pieno ritmo Milly Carlucci ma tra i tanti impegni facciamo una lunga chiacchierata. Ha lanciato due nuove iniziative sul suo blog, il cast di Ballando con le stelle 10 prende forma e Notti sul ghiaccio potrebbe partire addirittura già a gennaio. Non nasconde le segnalazioni, apre ad un nuovo arrivo in giuria, ricorda divertita la scoperta della nuova pettinatura di Sandro Mayer e molto altro.

Tutte le news su Ballando con le stelle

Lavori in Rai da tantissimi anni, con il tempo è cambiato tutto sia politicamente ma anche dal punto di vista aziendale sono cambiati molti direttori. Come si resiste?

“(ride) Lavoro in Rai da trentasette anni e se mi guardo indietro non ci credo neanche io. La fortuna di chi lavora a lungo tempo in un’azienda, e non parlo solo di me, è quella di avere i programmi giusti che ti permettono di stare nell’azienda. La mia grandissima fortuna è stata quella di essermi trovata su treni che si sono rivelati vincenti che magari sono partiti nello scetticismo e poi si sono rivelati delle bombe. Ci sono due casi eclatanti, il primo è “Scommettiamo che…” , uno strano programma per l’epoca perchè pensare di mettere al centro del teatro della gente comune che faceva cose stravaganti sembrava un’idea bizzarra e poco da tv pubblica e invece fu un trionfo. La stessa cosa è successa con Ballando con le stelle perché l’idea di fare un programma tutto sul ballo sembrava un suicidio ma in questo caso la particolarità era mettere alla prove persone famose che non sapevano ballare.”

Ballando con le stelle partirà il prossimo 4 ottobre. Facciamo il punto sulle indiscrezioni: partiamo da Giorgio Albertazzi, ci sarà?

“So che ti deluderò ma non posso dare indiscrezioni perché siamo un po’ strada facendo.”

Se dovessi dire una percentuale sulle possibilità di vedere Albertazzi nel cast?

”Io ho fatto l’audace proposta al grande maestro che invece di dirmi “cosa vuole da me?”, mi ha detto “dammi del tu, lo voglio fare, vengo”. Questo è una bella cosa ma da qui al chiudere il contratto ci passa tutto un altro fiume. Diciamo al 50%.”

Sono circolati anche i nomi di Dalla Chiesa, Branciamore, Isoardi. Federico Quaranta si è invece autocandidato per partecipare a Ballando, ha detto di aver fatto un provino e di essere in attesa di una tua risposta. Cosa gli rispondiamo?

Federico è una persona deliziosa, un grandissimo personaggio che ha dimostrato attraverso il suo lavoro di saperci fare. E’ una bella persona e non è facile da dire in questo periodo perché nei periodi difficili ci si incattivisce.”

Quindi potrebbe essere nel cast?

“Non è escluso che possa esserci. Quando incontro colleghi disposti a mettersi in gioco spiego sempre che tutto dipende dal puzzle e da quel mix che si deve formare, incidono vari fattori come per esempio trovare la maestra o il maestro giusto per loro. Per noi mettere un personaggio nel programma non vuol dire prendere un nome e basta perché per noi sono tutti protagonisti. Ti faccio l’esempio di Alessio Di Clemente che ha fatto per noi tantissimi provini e ci piaceva molto ma non trovavamo mai il contesto in cui poteva essere speciale, alla fine non solo abbiamo trovato il contesto ma anche la maestra giusta per lui, fece Ballando con le stelle e fu un successone per lui. Quindi se qualcuno non rientra nella squadra non è per il personaggio ma perché quell’anno non ci sono per lui o per lei le condizioni per venire fuori.”

Intanto sul tuo blog cerchi i nuovi ballerini professionisti.

”Sul mio blog ho deciso di fare questa iniziativa per due motivi, già solo perché ogni anno per creare le coppie per Ballando con le stelle ho sempre bisogno di facce nuove perché non è detto che per età, carattere, faccia vadano sempre bene quelli che già conosciamo e spesso introduciamo personaggi nuovi. Lo scorso anno per esempio sono arrivati Michael Fonts, Stefano Oradei e Vera Kinnunen erano personaggi totalmente inediti che sono stati introdotti perché servivano per quelle determinate celebrità. Il secondo motivo è perché cerco stili di ballo che non abbiamo ancora visto proprio per la necessità di contaminarci con cose nuove e che ci mettano un po’ in discussione.”

L’altra nuova iniziativa si chiama "Cronista per un giorno". Di cosa si tratta?

“L’Italia è molto più di quello che possiamo immaginare, un posto dove soprattutto d’estate si fa di tutto, tantissime iniziative di vario genere. Ho chiesto sul mio blog alle persone curiose e che hanno voglia di guardare qualcosa di raccontarcelo con un video anche breve fatto semplicemente con uno smartphone per avere la sensazione delle novità e di cosa succede in giro. Per quanto io sia curiosa non ce la faccio a girare il territorio intero così il cronista che ci colpirà di più verrà invitato a Roma a fine settembre, passerà una giornata speciale e avrà una sorpresa.”

Lo scorso anno avete retto contro una corazzata come Italia’s got talent ottenendo circa il 23% di share. Ora Italia’s got talent è sbarcato su Sky e su Canale 5 arriva Sei tu che vali. Cambia la sfida? Chi è il favorito?

“In realtà credo che la sfida sia la stessa perché io sono di qua, Maria De Filippi è dall’altra parte e il suo programma da quello che ho letto è comunque uno show sui talenti imprevedibili degli italiani, queste persone sono degli sconosciuti e saranno comunque valutati da una giuria. Quindi credo sia più o meno la stessa cosa. La mia principale aspettativa è quella di sorprendere il pubblico e posso sembrarti ripetitiva ma girando il paese e anche all’estero ho la sensazione che siamo un pochino accartocciati su noi stessi e questo mi dispiace tantissimo. Negli altri paesi c’è una voglia di futuro che noi non abbiamo, io in questo piccolo spazio vorrei dire andiamo avanti, facciamo cose nuove, progettiamo il futuro lasciandoci alle spalle tutto quello che abbiamo vissuto fino ad adesso. Lo dico anche per il nostro programma che ha alle spalle una storia, guardiamo avanti e sorprendiamo il pubblico.”

E’ vero che potrebbe esserci un nuovo ingresso in giuria?

E’ l’ipotesi che stiamo vagliando, se ci sarà un cambiamento è perché abbiamo deciso di intraprendere un percorso e non tanto per farlo. Se c’è un cambiamento è perché innesta una serie di altri discorsi, una serie di pensieri e una serie di prospettive. Se è un nome per un altro non serve cambiare.”

In giuria qualche anno fa sedeva Lamberto Sposini. Qualche settimana fa Visto ha pubblicato le sue foto in carrozzina, secondo te era giusto pubblicarle?

“Siamo un tipo di civiltà della comunicazione in cui vengono pubblicate tutte le foto da settimanali, ripresi dai siti o dai social. Purtroppo siamo al di là dell’opportunità di mostrare o non mostrare certe immagini, abbiamo creato una macchina incredibile e oggi ne paghiamo le conseguenze con quello che ci piace e con quello che non ci piace. Non penso solo alle immagini di Lamberto ma per esempio con le foto di guerra che arrivano sono di una durezza, brutalità e violenza. Il punto è che ormai non c’è più filtro su niente.”

Parliamo di alcuni momenti cult della scorsa edizione. Devi essere sincera, quando hai visto Sandro Mayer con la nuova “pettinatura” cosa hai pensato?

“Devi sapere che io arrivo a Ballando il sabato nel primo pomeriggio, riguardo le ultime clip e fino alle sette facciamo una serie di prove. Quella sera ero in camerino, mi stavano tirando su la lampo del vestito e mentre mi microfonavano arriva un autore e mi dice “Hai visto Sandro Mayer?” e mi dice “Preparati, preparati”. Quando entro in trasmissione sono rimasta basita (ride, ndr) e dopo averlo presentato mi è venuto da dirgli “ma che sorpresa” e non sapevo cosa dire di fronte a questa cosa, diciamo che era sorprendente. (ride, ndr)”

Gli altri momenti cult sono quelli che hanno visto come protagonista Anna Oxa. Quando si è infortunata cosa hai pensato? Perché non siete andati in pubblicità?

“Sono stata alla conferenza a Londra di tutti i 61 franchising di Ballando con le stelle nel mondo e tutti quanti mi hanno chiesto di raccontare come ho gestito la situazione. Noi abbiamo un funzionario che gestisce i neri pubblicitari e io non posso chiamare una pubblicità perché è interruzione del servizio pubblico, non posso chiamare la pubblicità quando mi passa per la testa perché non mi è consentito e in quel momento non è stato deciso di andare a nero quindi mi sono trovata lì nella situazione di dover andare avanti e dover gestire l’infortunio alla luce del sole. Per fortuna lì è entrato il pilota automatico del mio background e ho agito d’istinto.”

Non so se mi risponderai ma io ho una curiosità: quante richieste di raccomandazioni ti arrivano per entrare nel cast?

“Rispondo senza nessun problema. Io quando inizio Ballando chiedo ad agenti, amici, produttori, giornalisti di segnalarmi persone perché io non posso conoscere tutti e non escludo a priori nessuno. Io ricevo e chiedo segnalazioni e alle volte sono anche autosegnalazioni di persone si candidano. L’anno scorso per esempio ci è arrivata una segnalazione che poi abbiamo raccolto e abbiamo incontrato un personaggio che poi per noi è diventato centrale”.

La domanda è d’obbligo: di chi si tratta?

Amaurys Perez. Ci arriva la segnalazione di un agente, che non era il suo agente, che ci chiede di incontrarlo, l’abbiamo contattato ed è stato l’eroe centrale del nostro programma dell’anno scorso. Non essendo una tifosa della pallanuoto non l’avrei mai scoperto”.

Puoi invitare un politico come ballerino per una notte, chi scegli?

Obama. A parte gli scherzi, ti dico che io ho provato per anni ad invitare Clinton, ci siamo scambiate delle mail. Noi volevamo promuovere alcune sue iniziative di solidarietà e magari fare due passi in pista per cinquanta secondi con un valzer. Lui ha gentilmente declinato, però ci ha risposto perché gli americani rispondono sempre, non spariscono nel nulla.”

Se dovessi scegliere un politico italiano?

“In questo momento vorrei Renzi per un boogie woogie, un rock'n'roll o un ballo hip hop e anche Berlusconi, entrambi hanno un grandissimo senso della comunicazione.”

Ultima domanda. In primavera tornerà Notti sul ghiaccio, quando andrà in onda?

"Una prima versione dell’azienda prevedeva il programma a marzo poi ci è stata una seconda versione che ha detto addirittura gennaio con molta meraviglia perché gennaio è dietro le porte ed è in pratica un mese dopo ballando. Bisognerà aspettare settembre per capire quando l’azienda ci vuole in pista.”

In bocca al lupo per tutto.

"Crepi, buona estate".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019