Excite

Presa Diretta -Utilizzatori finali: dalle baby squillo dei Parioli al turismo sessuale in Thailandia

  • Rai

Utilizzatori Finali. Questo il titolo della prima puntata della nuova stagione di Presa Diretta, il programma condotto da Riccardo Iacona tornato in onda questa sera, 7 settembre 2014, nella sua collocazione originaria della domenica sera su Rai 3. Un excursus nel mondo della prostituzione, partito dal caso delle baby squillo del quartiere Parioli di Roma e finito col racconto del turismo sessuale degli italiani all’estero.

Baby squillo Parioli, Mauro Floriani a rischio processo: il marito della Mussolini alla sbarra con altri 60 indagati

Il caso delle due ragazzine di 14 e 15 anni che si prostituivano a Roma in un mini-appartamento con uomini di un’età compresa tra i 29 e 50 anni, è stato ricostruito con dovizia di particolari anche con l’aiuto di alcuni attori. Carte processuali alla mano il gruppo di Presa Diretta ha raccontato l’intera vicenda in cui in primo grado sono stati condannati in tempi record tutti i protagonisti: Miko Ieni e Nunzio Pizzacalla a cui sono andate le condanne più severe (rispettivamente 10 e 7 anni), passando per il commercialista Sbarra (6 anni) e un anno a tutti gli altri clienti. Sei anni invece sono stati dati alla mamma di una delle due ragazze che era a conoscenza dell’attività della figlia e se ne approfittava. Quasi 100 gli uomini coinvolti che pagavano le ragazzine per avere rapporti sessuali con loro e nessuno di questi che se ne fosse almeno una volta vergognato.

Una vera e propria piaga sociale di cui si parla poco ma che ancora oggi, nonostante tutto il clamore mediatico suscitato dal caso dei Parioli, è più viva che mai. A dimostrarlo il messaggio che la giornalista Elena Stramentinoli ha postato nello stesso sito che utilizzavano le due ragazzine romane per cercare clienti: "Sono una studentessa di 19 anni e ho bisogno di te per ripassare le lezioni. Sono spesso sola a casa, ti va di venire a trovarmi ? Ma devi essere paziente perchè è la prima volta".

Baby squillo Parioli: indagata la sedicenne, arrestati clienti pusher. E spuntano intercettazioni shock

Il risultato? Per sette giorni il cellulare della giornalista non ha smesso di squillare. Documentando il tutto, si è cercato di capire chi sono e cosa vogliono questi uomini. Si tratta di persone all'apparenza normalissime che possiamo incontrare tutti i giorni (guardie giurate, commercianti, docenti universitari...) che non disdegnano il fatto di finire a letto con delle minorenni. Uomini che non si sono fatti alcuno scrupolo quando la giornalista ha finto che in realtà non aveva 19 anni anni ma era minorenne, “…anzi!”. Solo due su oltre 100 chiamate hanno riattaccato il telefono alla notizia della minore età. Per gli altri “nessun problema”.

Ma il racconto degli “utilizzatori finali” è continuato anche con Federico Ruffo che si è mosso dall’Austria alla Thailandia facendoci conoscere i clienti italiani delle prostitute e più in generale il mondo dei bordelli. Ancora una volta è internet l’elemento principale attorno il quale ruota tutto: grazie ad un sito dal nome davvero surreale “Gnocca Travel”, il giornalista è riuscito ad organizzare un vero e proprio tour in quei paesi considerati paradiso del sesso a pagamento dove ha incontrato gruppi di italiani, la maggior parte dei quali sposati o fidanzati. La prima puntata di Presa Diretta si è poi conclusa con una piccola rivelazione: il mondo che siamo abituati ad affiancare all’universo maschile ovvero quello del porno on line e delle chat erotiche, in realtà è molto frequentato anche dall’universo donna che è alla continua ricerca di un appagamento sessuale. In molti casi le visitatrici di questi siti sono donne sposate con figli ma anche single.

La nuova stagione di Presa Diretta, ha puntato sul sicuro: sono rimaste infatti le inchieste “raccontate con i fatti e non con le ideologie” come dice Iacona ma che proprio inedite non sono. Il prodotto, seppur ben confezionato, aveva un qualcosa di “già visto” come hanno commentato tanti utenti su Twitter: basti pensare alle diverse puntate di Lucignolo e Le Iene che sono state dedicate al tema della (baby) prostituzione e del turismo sessuale. Allo stesso tempo però, bisogna riconoscere che Italia uno e Rai 3 hanno un pubblico totalmente diverso e che in ogni caso -quando si trattano questi argomenti- parlarne fa sempre bene. Moige permettendo.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018