Excite

Rai, reality e tg nel mirino

"Basta con i reality!". Queste le parole pronunciate ieri dal presidente della Rai Petruccioli che ha poi aggiunto: "E’ una stagione conclusa. Dall’anno prossimo vanno eliminati".
L'Isola dei Famosi, La Talpa, Music Farm. Tutti in pensione. Senza eccezioni.

La clamorosa scelta del presidente Rai ha lanciato un nuovo interrogativo: va bene cancellare un format forse abusato. Ma cosa si può proporre al suo posto?
Anche perchè i reality della scorsa stagione hanno occupato le fasce orarie strategiche dal punto di vista pubblicitario.
Se si decidesse davvero di cancellarli si formerebbero dei buchi importantissimi da riempire con programmi di qualità.

Dopo 7 stagioni di isole, fattorie, ristoranti e far west, non è semplice cambiare rotta.
Petruccioli è andato addirittura oltre e ha detto che bisogna "eliminare dai contenitori pomeridiani il ricorso al gossip fine a se stesso e accrescere l’attenzione alla cronaca bianca, mettendo in rilievo non le situazioni estreme ma quelle più largamente diffuse".

Probabile che in Rai rivedremo il prossimo anno i grandi nomi dello spettacolo italiano, da Fiorello a Benigni, sognando magari un nuovo programma di Celentano.
Di concreto al momento non c'è nulla. Ci mancherebbe.
E nell'attesa Petruccioli si scaglia anche contro i telegiornali, giudicati troppo vaghi e pieni di condizionamenti: "Solo in Italia l’informazione politica è corredata da un florilegio di dichiarazioni di tutti i partiti. Bisogna cambiare".
Secondo il presidente della Rai la gente si è stufata di assistere inerme ogni sera al noioso balletto delle dichiarazioni contrapposte.

Dulcis in fundo, nella palude ci finisce anche la seconda serata: "Occorre trovare nuovi spazi per una maggiore offerta culturale e per meglio caratterizzare alcune fasce di programmazione", ha detto il presidente. "Non più quindi solo il Porta a porta di Vespa su Raiuno, quel bailamme di proposte confuse su Raidue, lo scivolare verso la piena notte dei programmi di Raitre, ma una offerta differenziata, coerente e sistematica in modo da riconquistare la fedeltà dei telespettatori".

Un solo obiettivo, dunque: basta reality e tv frivola. La Rai è un servizio pubblico e come tale deve necessariamente rafforzare la sua offerta culturale. Dando più spazio a RaiEducational di Minoli, per esempio.

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017