Excite

Reporter prova giubbotto anticoltellata e resta ferito, corsa in ospedale dopo il servizio tv - VIDEO

  • Youtube

di Simone Rausi

Quello del giornalista può essere un mestiere parecchio pericoloso. Lo sanno bene i corrispondenti dalle zone di guerra e lo sa bene anche Eitam Lachover, reporter della tv di Stato d’Israele, che invece stava realizzando un servizio, apparentemente innocuo, all’interno di un’azienda produttrice di giubbotti anti coltellata.

Rabbino accoltellato in Italia, allarme per la comunità ebraica

Siamo, manco a dirlo, in una zona calda del Pianeta dove la cosiddetta “intifada dei coltelli” è ormai una triste realtà (circa 20 morti tra i civili solo nel corso dell’ultimo quadrimestre). Giusto per restare sul pezzo, Lachover si è quindi recato all’interno di questa fabbrica che si fregia del merito di aver inventato dei particolari giubbotti capaci di proteggere chi li indossa dalle coltellate. Il responsabile intervistato dal giornalista ha prima elencato le caratteristiche del prodotto e poi ha chiesto a Lachover di fare da cavia e di testare in prima persona il prodotto. Il reporter non è riuscito a mascherare sorpresa e timore quando gli è stato chiesto di restare immobile mentre veniva colpito ripetutamente da un “commando knife”, un coltello militare molto resistente. “Non hai nulla da preoccuparti” gli è stato risposto dall’altro interlocutore…

Dopo alcuni fendenti ben assestati qualcosa va storto e lo si percepisce dall’espressione del giornalista che riceve una coltellata all'altezza della spalla. Nessuno spargimento di sangue, nessuna scena da film splatter ma tanta paura per il reporter che è dovuto correre all’ospedale dove ha ricevuto dei punti di sutura. A rassicurare tutti è stato lo stesso Lachover che, qualche ora dopo, ha twittato di stare bene e di essersela cavata solo con qualche ferita superficiale.

Imbarazzo ai massimi storici per l’azienda produttrice del giubbotto anticoltellata che si è giustificando, attraverso un portavoce, affermando che “la coltellata è stata inferta in una zona del giubbotto sprovvista del materiale protettivo”. Tirata in causa anche l’emittente che ha dichiarato di come le prove della dimostrazione fossero andate a buon fine: “Manderemo in onda quelle”.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019