Excite

Rita Dalla Chiesa insultata dopo la finta aquilana a 'Forum'

Da quando è andata in onda su Canale 5 la puntata di 'Forum' in cui una falsa aquilana Marina Villa, 50 anni, ha ringraziato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ed il governo per la ricostruzione post terremoto (il video), la conduttrice Rita Dalla Chiesa è vittima di continui insulti. Dalla tv dove alle 'Iene' Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu l'hanno definita 'vecchia anziana figurante', un 'barboncino con la parrucca', alla strada dove è stata criticata in una pizzeria di Ponte Milvio e all'Auditorium Parco della Musica, a Roma.

Il video della testimonianza della finta aquilana a Forum

Al quotidiano Il Corriere della Sera, la Dalla Chiesa ha raccontato: 'Mi scrivono: 'La Palermo onesta che amava tuo padre ti disprezza'; 'Come si dorme nel letto di Putin?'; 'Tuo padre si sta rivoltando nella tomba''. E ancora. 'Venerdì sono dovuta andare via da una pizzeria di Ponte Milvio: da un tavolo è partita una provocazione e da un altro un applauso di risposta. Scena simile il giorno dopo, fuori dall'Auditorium Parco della Musica: due ragazzi mi hanno urlato 'ma non si vergogna, complimenti per la trasmissione!'. Lì mi sono fermata: non avevano nemmeno guardato la puntata incriminata, però mi aggredivano...'.

Nonostante siano trascorsi dieci giorni dalla puntata in questione, nonstante la finta terremotata si sia scusata (il video) e nonostante la conduttrice di 'Forum' abbia fatto sapere di essere stata lei stessa vittima della signora Villa (leggi la notizia) le polemiche non accennano a placarsi.

Rimane il fatto che Marina Villa sia stata pagata 300 euro per vestire i panni di una donna desiderosa di riaprire a L'Aquila il negozio di abiti da sposa distrutto dal terremoto del 6 aprile 2009 con i 25mila euro di alimenti che voleva tutti insieme dall'ex marito. La Dalla Chiesa ha ribadito il fatto che di base la storia era vera. La conduttrice ha spiegato: 'Avevamo avuto la segnalazione via fax di una moglie che chiedeva all'ex coniuge una somma una tantum al posto dei versamenti mensili. Nel nostro database di diecimila provini avevamo questa Marina Villa, di Popoli, che mi sono andata a rivedere: un anno fa ci aveva raccontato davvero di essere scampata al terremoto, di essersi ferita e che due suoi vicini di casa erano morti'.

La Dalla Chiesa ha ammesso che possa esserci stata leggerezza e superficialità nel trattare la vicenda, ma ha escluso la malafede. La conduttrice ha poi fatto sapere di non aver ricevuto solidarietà da parte dei colleghi. 'Mi hanno chiamato soltanto Antonella Clerici e Massimo Giletti - ha detto la Dalla Chiesa - Silenzio dagli altri: e pensare che sono sempre generosa nell'offrire il mio spazio per lanciare i programmi non miei'. E ha aggiunto: 'Quelli che mi hanno delusa di più sono stati i miei amici di sinistra: spariti. Ho sostenuto campagne per gli animali, per le nozze dei preti, per i gay, i clandestini, gli immigrati. Tutto dimenticato'.

La conduttrice di 'Forum' ha poi affermato che quel che è accaduto è stato uno 'scivolone televisivo' che è diventato un 'caso politico'. E ha detto: 'Io ci sono rimasta profondamente male e non avrei mai voluto far soffrire chi da due anni non si dà pace. Il dolore lo conosco. Non mi sarei permessa, sia eticamente sia professionalmente, di mancare di rispetto a L'Aquila e ai suoi abitanti. Chiedo scusa se posso avere sbagliato qualcosa. Ma aggiungo che mi fa paura questo clima di odio, questi attacchi alla mia persona. E gli 'amici' delle 'Iene', che pure dopo mi hanno mandato un mazzo di fiori, hanno detto cose molto pesanti: non posso pagare per le mie rughe, per non essere più giovane'.

 (foto © LaPresse)

tv.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2016