Excite

Scherzi a parte ci prova e (a tratti) ci riesce con Razzi-Presley e la bastardata a Paolo Brosio. Bonolis (quasi) promosso

  • Mediaset

Dopo il solito sforo di Striscia la notizia (per ostacolare il “nemico” Parenti?) prende il via alle 21.30 la nuova edizione di Scherzi a parte. La giacca eccentrica e una panchina sono sufficienti per Paolo Bonolis che riesce a fare da collante senza spezzare il ritmo della prima puntata. Il conduttore aiuta la narrazione ed è una garanzia, i monologhi (meglio lasciarli a Fiorello e Benigni) non sempre funzionano perché il programma è stato registrato da qualche mese ed è quindi impossibile stare sul pezzo. Meglio nell’intervista alla vittima, la battuta pronta ed è la marcia giusta.

Non c’è l’orchestra, non si canta, non c’è il corpo di ballo, non ci sono i gavettoni eppure il programma scivola via senza annoiare. Ci sono ovviamente gli scherzi, alcuni riuscitissimi altri meno anche se il livello sembra più alto rispetto al passato. Ad occuparsene è la squadra de Le Iene guidata da Davide Parenti e lo stile è quello usato in “Una storia triste” su Italia1. C’è l’operazione trasparenza, si cerca di raccontare i vari passaggi per rendere più chiara la dinamica dello scherzo ma anche per far passare che in fondo è tutto vero. C’è la voce di Pino Insegno (la Rai ha concesso la liberatoria?) che accompagna lo spettatore e lo storico jingle viene accennato solo nei titoli di inizio puntata.

Scherzi a parte, boom di ascolti per il programma di Bonolis e Parenti

Un Amadeus gelosissimo di Giovanna in uno scherzo carino ma non eccezionale che però mostra tutta la simpatia e la genuinità del conduttore. Passerà sicuramente alla storia invece quello di Paolo Brosio che è una vera e proprio “bastardata”. Su Twitter, dove il programma è volato in trending topic, in molti hanno espresso dubbi sul limite superato ma è sicuramente lo scherzo più riuscito della serata, veramente cattivo come alcuni scherzi devono essere. Il giornalista ha ricevuto una finta telefonata da Papa Francesco, dopo la gioia iniziale ha scoperto la verità e a chiunque noi sarebbero partite parolacce e bestemmie invece lui ha firmato la liberatoria.

Una Parietti mamma chioccia, ossessionata dal figlio Francesco che si è ribellato con la complicità di Federica Panicucci (collega di agenzia del conduttore). L’Alba furiosa e la voglia di vederla subito in gara con il figlio nella prossima edizione di Pechino Express. Il senatore Antonio Razzi, no lo scherzo non è quello che è senatore, si ritrova in strada vestito da Elvis Presley in una scena che spopolerà nei prossimi giorni. Lo storico “Sei su Scherzi a parte” viene sostituito con “Sei su Le Iene presentano Scherzi a parte” ed è una scelta ridicola ed inspiegabile. Insomma il nuovo Scherzi a parte ci prova e a tratti ci riesce, all’auditel l’ardua sentenza.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017