Excite

Tiraboschi: tv educativa? No, grazie!

Luca Tiraboschi, direttore di Italia 1, ha rilasciato un'intervista a La Stampa, dove ha parlato del suo lavoro nella rete giovane di Mediaset. Per lui, i programmi vanno creati solo per inserire pubblicità rivolte ai giovani.

Alla domanda: "La sua è una rete rivolta ai giovani, lei si pone un problema educativo?", Tiraboschi ha risposto: "No, qui si fanno trasmissioni in cui mettere pubblicità. Noi garantiamo agli investitori circa tre milioni di spettatori mentalmente giovani".

Le parole del direttore di Italia 1 (amante di Italo Calvino e dei fumetti) esplicitano la reale motivazione per cui in Italia, solitamente, non esistono programmi qualitativamente validi in prima serata.

Per il resto, Tiraboschi ha confermato la programmazione di cui già si era a conoscenza (Mammuccari protagonista di una fiction nel 2009, Chiambretti conduttore di tre seconde serate sul tema dei numeri uno, Enrico Ruggeri presentatore di Quello che le donne non dicono e Giorgio Mulé al timone di Borders, approfondimento del sabato di Studio Aperto su casi di cronaca italiani ed esteri).

C'è stato infine spazio anche per una polemica: "YouTube fa sciacallaggio e Mediaset cerca di rallentare la colonizzazione del mercato da parte di Internet, assai indietro sui contenuti".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017